Dirigenza

Il Dirigente Scolastico


Prof.ssa Lucia Razzino


Il Dirigente ha la rappresentanza legale dell’Istituto, rappresenta l’unitarietà dell’Istituzione ed è responsabile della gestione della medesima. 

Nello specifico, il D.S.: 

  • Gestisce unitariamente la scuola; 
  • Rappresenta legalmente l’istituzione che dirige; 
  • Gestisce le risorse finanziarie, umane e strumentali; 
  • Dirige e coordina le risorse umane; 
  • Organizza le attività scolastiche in base a criteri di efficacia ed efficienza; 
  • Assicura la qualità della formazione, la collaborazione culturale, professionale, sociale ed economica del territorio interagendo con gli Enti locali, la libertà di scelta educativa delle famiglie e il diritto di apprendimento. 

Compiti specifici derivanti dalla gestione della Scuola sono: 

  • La presidenza del Collegio dei Docenti, dei Consigli di Classe, del Comitato di valutazione e della Giunta esecutiva del Consiglio di Istituto;
  • L’esecuzione delle delibere di questi collegi; 
  • Il mantenimento dei rapporti con l’autorità scolastica centrale e periferica (Ministero e Provveditorato); 
  • La formazione delle classi, il ruolo docenti, il calendario delle lezioni (insieme al Collegio dei Docenti).

Le competenze e i compiti, sopra descritti, sono stati potenziati dalla Legge n. 107/2015, che dà piena attuazione all’Autonomia delle Istituzioni scolastiche; il D.S. definisce gli indirizzi per le attività della scuola e delle scelte di gestione e di amministrazione, che costituiscono il punto di partenza per l’elaborazione del PTOF.